Lucia Del Grosso

Grande è la confusione sotto il cielo ……..

LE BANDIERE AMMAINATE DELLA LEOPOLDA

ottobre26

LEOPOLDAOk, mi avevano insegnato che quando c’è una competizione elettorale non si parla dell’avversario, ma del candidato che si sostiene. Ma ci sono casi in cui è lecito derogare, specialmente se l’avversario l’ha fatta grossa.

Lasciamo perdere che è un’americanata, ognuno ha il suo stile. Lasciamo perdere la solita retorica del nuovo che avanza, dei non garantiti contro i garantiti a 1200 euro al mese (azz, che garanzia), della sinistra che ha sbagliato per 20 anni (ovviamente gli altri, quelli che non hanno sbagliato non c’erano e se c’erano dormivano): è la democrazia, bellezza, è ammesso pure spararla alla qualunque. Ma quello che è contrario non a qualsiasi logica politica, ma alla logica e basta è sterilizzare un’iniziativa di una candidato A DIRIGERE UN PARTITO  (sottolineato) dai simboli di quel partito. E per concludere l’opera twittare che non ci sono perché “questa non e’ un’iniziativa del Partito Democratica. E’ un’iniziativa che parla anche ad altri mondi.” E però invitare il Segretario attuale del PD (non credo che Epifani abbia fatto il portoghese), forse per far capire agli altri mondi qual è il mondo che si aspira conquistare.

Ma i renziani che non sono una corrente, ma sono, appunto i renziani (e pure quest’altro assurdo logico non ancora me lo spiega nessuno) quando leggono la frase “parlare ad altri mondi”, dopo essersi compiaciuti per l’ecumenicità del metodo (urca, quanto ci sappiamo fare), provano a fare l’analisi logica? Soggetto: chi è che parla ad altri mondi? Se è un partito allora significa che sta chiamando le altre forze politiche sociali a confrontarsi su una sua proposta politica. Niente da dire. Se è un tipo che, per quanto popolare, non ha ancora occupato nessuna casella nello scacchiere politico, anzi prende le distanze da tutti i luoghi della politica, nessun renziano della non-corrente renziana nota l’inquietante anomalia? Eppure è “semplicente semplice”: un tizio pensa di possedere l’autorevolezza – non perché gliel’ha conferita democraticamente un soggetto collettivo, ma perché l’ha fatto bravo e intelligente mammà – di rivolgere la sua proposta politica direttamente al popolo, che egli chiama elegantemente “altri mondi”. Ma se è così bravo da partire da solo, senza il partito (che aspettate a nascondere quelle bandiere, forza, che arriva Serra) alla conquista del altri mondi come Star Trek mi spiegate, voi della corrente-renziana-ma-no-che-corrente-io-sciolgo-tutte-le-correnti, perché vi state tanto agitando per il Congresso? Il leader c’è, la proposta agli “altri mondi” c’è, che ce ne dovete fare pure del partito? Cioè di quella roba che serve, in teoria, a selezionare il leader e ad elaborare la proposta politica? E’ gradito un cortese cenno di riscontro.

posted under Politica
6 Comments to

“LE BANDIERE AMMAINATE DELLA LEOPOLDA”

  1. Avatar ottobre 26th, 2013 at 17:03 dorzacc Says:

    E’ chiaro che si tratta di un’OPA ostile. Il PD è un partito che ha sempre sbagliato tutto, e anche i partiti da cui ha avuto origine.
    La contraddizione più grande è però che i militanti del PD si accingano a votare il signorotto di Firenze. A loro scusante hanno il fatto che sono stati lasciati soli.
    Ed Epifani non si è accorto che non c’erano bandiere del PD?


  2. Avatar ottobre 26th, 2013 at 17:20 luciadelgrosso Says:

    E diventa anche sempre più chiaro che è un’OPA ostile


  3. Avatar ottobre 26th, 2013 at 21:23 Angelica Lubrano Says:

    parlare di disorientamento è poco. Ecumenico? come può esserlo uno che esordisce con la categoria della rottamazione? Che epura chi ha il coraggio di alzarsi in piedi e di esprimere i dubbi e le contraddizioni delle sue promesse? Mi sembra di assistere allo stesso fenomeno di invasamento collettivo già vissuto al tempo della discesa in campo di quell’altro salvatore della patria , quando i nostri concittadini restavano impigliati nella rete (tv, giornali, e grancasse varie) così come Pinocchio e Lucignolo si avviavano nel Paese dei Balocchi.


  4. Avatar ottobre 27th, 2013 at 12:13 fridolin Says:

    renzi è stato messo lì apposta per distruggere il pd, da quelli che hanno sostenuto per 20 anni berlusconi, che , ormai, non è più spendibile.


  5. Avatar ottobre 27th, 2013 at 21:42 TONINO Says:

    Buonasera, vedete, la differenza abissale di mentalità tra i sostenitori di Cuperlo e i sostenitori di Renzi, una percentuale molto ampia di vetero PCI-PDS-PD deve per forza trovare un nemico da abbattere!!!!!!!!! Quindi si cerca in tutti i modi di screditarlo…… è cosi che che avete fatto governare per quasi 20 anni Silvio Berlusconi !!!!!!!!!! adesso lo si fa con Renzi, ebbene in 3 giorni di LEOPOLDA non si è mai accennato ne a Silvio B. tanto meno a Cuperlo e company…….. si è discusso di come si deve cambiare per primo il Partito Democratico (quello vero che verrà da domenica 8 dicembre) poi l’ Italia e non di nemici da abbattere………. AD MAIORA 😉


  6. Avatar ottobre 28th, 2013 at 14:12 luciadelgrosso Says:

    No, guarda che non è che non si è nomunato Cuperlo: non si è nominato proprio il PD! 😀


Email will not be published

Website example

Your Comment:


befana

like box

contatore

4w


adsense1